Logo Unical




come raggiungerci Mappe Rassegna Stampa Contatti

  news
 
Arcavacata, mercoledì 14 giugno 2017 Crea pdf Stampa la Notizia Segnala su facebook Segnala su twitter

La Cristallografia dell'Unical su Nature


 "Piccolo è bello, uniforme è meglio". E' con queste parole (molto tecniche ma ampiamente appropriate) di due importanti ricercatori dell'Università delal California che in questi giorni viene presentato in anteprima alla comunità scientifica uno studio apparso su Nature MATERIALS (giornale leader mondiale nel campo dei materiali con IF di 38.89) e che vede coinvolta in un ruolo di primissimo piano Donatella Armentano, la più giovane ma molto autorevole rappresentante del settore della Cristallografia del Dipartimento di Chimica e Tecnologie Chimiche. Oltre alla Prof.ssa Armentano che ha curato da sola tutta la parte cristallografica, lo studio pubblicato ha visto la partecipazione di gruppi di ricerca spagnoli e olandesi di consolidata esperienza operanti presso l'Università di Granada, l'Università di Valencia, l'Università Politecnica di Valencia e l'Università di Tecnologia di Delft.
Il lavoro appena pubblicato in formato Advance Online Publication è uno studio molto ampio in cui aspetti teorici, sperimentali ed applicativi si intrecciano per definire un nuovo materiale poroso cristallino (della famiglia dei cosiddetti Metal-Organic Frameworks, MOF), caratterizzato da cavità e canali di dimensioni nanoscopiche rivestiti uniformemente da clusters Pd4 quasi-lineari. Questo nuovo materiale va dunque a rappresentare il trait d'union tra i materiali nanoporosi e i cluster supportati candidandosi a rappresentare il prototipo di nuovi classi di materiali che combinano i vantaggi delle due distinte classi. Questa caratteristica non è solo ipotizzata ma è messa brillantemente alla prova in reazioni di catalisi organica che coinvolgono intermedi carbenici, facendo di questo materiale un singolare e molto promettente nuovo tipo di catalizzatore eterogeneo supportato.
Il lavoro su Nature MATERIALS è solo uno dei tantissimi lavori pubblicati da Donatella Armentano negli ultimi anni in un settore, quello dei MOF, che sta letteralmente esplodendo, e che rappresenta molta parte della ricerca chimica mondiale in campo inorganico sia a livello di base che industriale/applicativo. Ma se la maturità scientifica di Donatella Armentano trova ampio e consolidato riconoscimento, più difficile risulta la sua crescita accademica. Solo da poco promossa al ruolo di professore associato, come molti ricercatori italiani, e meridionali in particolare, sperimenta l'enorme difficoltà di operare in un contesto politico-economico in cui gli avanzamenti di carriera e il reclutamento di giovani da avviare alla ricerca sono affidati quasi interamente ai capricci del destino più che al valore dei risultati e alla serietà dell'impegno.

http://www.nature.com/nmat/journal/vaop/ncurrent/full/nmat4924.html
http://palgrave.nature.com/nmat/journal/vaop/ncurrent/full/nmat4910.html

 
 



letto 943
ultimo aggiornamento: mercoledì 14 giugno 2017 - 12:59